Scuola: Santerini (Pi), si’ a ddl ma resta molto da fare

 (ANSA) – ROMA, 20 MAG – “Il gruppo ‘Per l’Italia-Centro Democratico’ vota a favore del ddl che riforma le scuole piu’ che la scuola. 

E’ un intervento molto pragmatico e ampiamente modificato in Commissione su alcuni enormi problemi ereditati dal passato: stabilizzazione del precariato e ampliamento dell’autonomia. L’assunzione dei precari affronta un problema storico, ma la qualita’ del sistema dipendera’ dal modo in cui utilizzeremo le risorse potenziate; l’autonomia e’ la leva per rendere piu’ flessibile il sistema se investiamo sulla maturita’ dei dirigenti e dei docenti. Per questo non condividiamo la paura della valutazione, impulso riformatore che puo’ produrre cambiamento, ma abbiamo chiesto piu’ collegialita’ e soprattutto di accompagnare l’autonomia per ridurre anziche’ rischiare di ampliare il grande divario che gia’ vediamo tra le scuole italiane. Non abbiamo condiviso la paura della privatizzazione della scuola se i cittadini contribuiranno con il 5×1000, ma abbiamo chiesto di non sottrarre risorse al Terzo settore e alla ricerca ponendo la scelta in alternativa. C’e’ molto lavoro ancora da fare per ridurre la dispersione al 10 per cento entro il 2020 e realizzare piu’ inclusione degli alunni immigrati: a quando la legge sulla cittadinanza per le nuove generazioni?”.

Lo ha affermato la deputata Milena Santerini, capogruppo di ‘Per l’Italia-Centro Democratico’ in commissione Cultura e Istruzione della Camera, durante le dichiarazioni di voto finale in Aula
sul Ddl Scuola.
(ANSA).

Leave a Comment